buzzoole code Desperate HouseBlogger: Caponata di Melanzane

sabato 25 ottobre 2014

Caponata di Melanzane

Ecco una ricetta perfetta per il weekend, momento in cui si ha un pò più di tempo per dedicarsi alla cucina e alle conserve. Oggi facciamo la Caponata di Melanzane, ricetta tipica siciliana di antichissima tradizione. Ingrediente principe la melanzana, arricchita da una serie di verdure fritte in salsa agrodolce. Un contorno da leccarsi i baffi. Questa è la mia versione, realizzata in collaborazione con Olio Beniamino.

LadyCashback.it


INGREDIENTI
2 melenzane medio-grandi
100 gr. di olive verdi Nocellara del Belice in salamoia snocciolate
200 gr. di passata di pomodoro
1 cipolla di Tropea
50 gr. di capperi
1 costa di sedano
1/2 bicchiere di aceto
2 cucchiai di zucchero
peperoncino e sale qb

DIFFICOLTA': media
TEMPO DI COTTURA: 20 minuti

  • PROCEDIMENTO


  • Tagliate le melanzane a cubetti piuttosto grossolani e mettete sotto sale per almeno mezz'ora.
  • Versate 2 cucchiai di Olio Extravergine di Oliva in una padella e friggete le melanzane a cubetti, dopo averle sgocciolate e asciugate.
  • In un altra padella versate altri 2 cucchiai di Olio Extravergine di Oliva e fate imbiondire un soffritto di cipolla e sedano tagliati a fettine sottili.
  • Aggiungete le olive verdi snocciolate, i capperi, i cubetti di melenzana ed infine la passata di pomodoro. Salate e pepate quanto basta.
  • Lasciate addensare per qualche minuto e aggiungete il mezzo bicchiere di aceto e i 2 cucchiai di zucchero.
  • Lasciate cuocere a fuoco medio per altri 10-15 minuti e servite la Caponata tiepida o fredda.

  • CURIOSITA'
Vi siete mai chiesti perchè si chiama Caponata? L'etimologia della parola rimanda al Capone, un tipo di pesce molto pregiato che veniva servito nelle tavole dei nobili intorno al 1600, accompagnato da una salsa agrodolce. Il popolo, non potendo permettersi il pesce, lo sostituì  con  le più economiche melanzane.
Sono tante le versioni della Caponata: solo in Sicilia se ne contano almeno 37. La più classica è quella palermitana (a cui questa ricetta si ispira), mentre quella catanese e quella agrigentina prevedono anche l'aggiunta dei peperoni gialli o dei friggitelli. A Bivona (in provincia di Agrigento), vengono aggiunte addirittura anche le pesche locali o le pere di stagione.
La Caponata può essere servita al momento o conservata in vasetti di vetro. Basta versare la caponata ancora ben calda nei vasetti, chiudere ermeticamente con tappi a capsule sottovuoto e sterillizzare. La Caponata manterrà il suo gusto e la sua fragranza per oltre sei mesi.

Volete saperne di più sull'Olio Beniamino e i suoi prodotti a base di olive Nocellara del Belice DOP?
Leggete la mia ultima recensione

11 commenti:

  1. HO VISTO SU FACEBOOK LA FOTO DEL TUO PIATTO E SONO COSRA QUI A LEGGERE LA RICETTA! SQUISITA! 10+!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Mi fa piacere che ti sia piaciuta

      Elimina
  2. Sai che non mi ero mai chiesta il perché di questo nome? Comunque proverò assolutamente la tua ricetta

    RispondiElimina
  3. Che bello questo piatto di caponata di melanzane, sicuramente ottimo mi segno la ricetta!

    RispondiElimina
  4. Non l'ho mai fatta a casa, è sicuramente un piatto molto ricco e gustoso. Devo parla anche io ^_^

    RispondiElimina
  5. cercavo una ricetta da fare per pranzo e mi ha incuriosito i tuoi suggerimenti e la ricetta golosa ma semplice da fare, ottimo l'olio che hai usato

    RispondiElimina
  6. Sono siciliana, mangio spesso la Caponata che mia nonna prepara più o meno come hai descritto tu nella tua ricetta, ma non avevo idea del perché si chiamasse in questo modo questo piatto! Grazie per avercelo spiegato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una cosa che incuriosiva anche me da tanto tempo. Facendo una rapida ricerca sul web ho scopertp l'arcano e ho voluto condividerlo... Felice di conoscere una conterranea. Grazie per essere passata :)

      Elimina
  7. Che fame e che ricetta la tua buonissima.Grazie

    RispondiElimina
  8. SAI CHE NON SO FARE LA CAPONATA ?? TI PREGO E ORA DI PRANZARE PERCHE' QUESTA CRUDELTA' , IMMAGGINO CHE BONTA' , MI SEGNO SUBITO LA TUA RICETTA DEVO FARLA GRAZIE MILLE .

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia! Ti seguo su GFC e FB, ti va di ricambiare?
    Baci,
    Coco
    Coco et La vie en rose / Bloglovin / Facebook

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...